Dei Pot Ale non si butta via niente

Un nuovo sistema di evaporazione, basato su una tecnologia di Alfa Laval (che io conoscevo da buon “agricolo” come produttore di sistemi per mungitura…e come vedrete siamo nello stesso campo), e’ stato installato a Glenfarclas per migliorare concentrazione e qualita’ dei Pot Ale.

I Pot Ale, chiamati anche “spent wash” sono un sottoprodotto del primo stadio della distillazione.
In passato questa parte liquida veniva scartata mentre nelle distillerie moderne viene molto spesso concentrato in uno sciroppo ricco di proteine, carboidrati e residui di lievito per l’alimentazione animale.
Lo sciroppo puo’ essere anche mescolato coi residui del malto (Draff) per produrre quello che viene chiamato Dark Grains. Glenfarclas produce circa 4 tonnellate di sciroppo di Pot Ale syrup al giorno.
La concentrazione del 45% si raggiunge tramite evaporazione e prima di questo nuovo sistema si otteneva attraverso un metodo tradizionale chiamato “falling film, shell & tube evaporator”.
Il vecchio sistema aveva grossi problemi di manutenzione e quindi una bassa efficienza.

Recentemente Bruichladdich ha annunciato un sistema per produrre biogas usando anche i pot ale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »