C'e' il rischio che vada male ma anche bene

I “giganti” del beverage sono piuttosto in fibrillazione per gli ultimi sviluppi provenienti dall’economia spagnola che si sommano alle tendenze del mercato americano

Diageo e Pernod, ad esempio, hanno un vastissimo portafolio di brand che li copre abbastanza dai rischi, in ogni caso gli analisti ci sono anche per fare previsioni sbagliate o in ogni caso per fare gli interessi dei loro maggiori investitori (che malfidato che sono).
Un analista di Standard & Poor’s e’ convinto che questi problemi su questi mercati importanti avranno impatti anche su Diageo.
L’analista ci dice che ci sara’ comunque un aumento nella revenue di circa 60 milioni di sterline e un aumento dei dividendi da 13.9 a 14.6 pence.
Direi che siamo nel campo del “ma anchismo”, tutto e il contrario di tutto.
Noi povere vittime della finanza creativa stiamo sulla riva del fiume ad aspettare gli sviluppi, e ci facciamo un dram nel frattempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »