Quanti anni hai?

Chivas Bros lancia la campagna The Age Matters (l’eta’ conta) a favore della chiara indicazione dell’invecchiamento del distillato.
Avevamo già avuto modo di parlarne a proposito della nuova “moda” dei No Age Statement, ma e’ interessante vedere qualche dato.

La ricerca commissionata da Chivas, mostra che il 94% dei consumatori crede che l’eta’ di invecchiamento sia un indicatore di qualita’; il 93% pensa che whisky piu’ vecchi siano migliori e 89% guarda esplicitamente l’eta’ prima di decidere l’acquisto. La ricerca mostra anche alcune convinzioni non corrette: solo il 10% sa che l’eta’ si riferisce al whisky più giovane contenuto nell’assemblaggio, il 48% pensa che sia la “media” delle annate e il 35% pensa sia il whisky piu’ vecchio dell’assemblaggio.
La campagna di Chivas si prefigge lo scopo di fornire al consumatore le informazioni necessarie per poter capire e apprezzare il valore dei prodotti.

Personalmente, assumendo per sbagliate le equazioni “più vecchio=più buono/qualitativo”, “più costoso=più buono/qualitativo”, pernso che l’indicazione sull’eta’ minima del distillato che sto acquistando mi può aiutare nella scelta soprattutto nel confronto tra prodotti della stessa categoria.
Non e’ matematico, dato che se non mi trovo davanti a un single cask e dentro ci possono essere una miriade di differenti possiblita’ di assemblaggio, tuttavia un whisky piu’ vecchio so che ha un costo maggiore dato che la distilleria/imbottigliatore deve affrontare:

  • Piu’ tasse
  • Piu’ costi di gestione (magazzino, personale)
  • Piu’ rischi d’impresa

L’altra faccia della medaglia, visti anche i risultati della ricerca di Chivas, e’ che magari whisky giovani ma molto buoni vengono snobbati a prescindere.
Trovarsi un venditore di fiducia e cercare di conoscere i prodotti il più possibile è uno delle poche armi che abbiamo a disposizione per scegliere bene. Non siate troppo rigidi nelle vostre convinzioni: provate whisky di 5 anni, di 7, di 9, magari della stessa distilleria, torbati e non, in sherry e in bourbon.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »