Amor che guardi verso oriente

Per non essere tacciati di snobismo, essendo molto concentrati sui single malt scozzesi e poco sul resto, diamo un occhio anche agli echi che provengono dalle tigri asiatiche.

La prima notizia riguarda la distilleria giapponese di Mars, aperta nel 1982 e ferma dal 2002, che pare riaprirà nel 2011. La distilleria si trova nella regione montana dove già sorgono Hakushu e Karuizawa, e che la rendono la distilleria più “in alto”, essendo qualche centinaia di metri sopra Hakushu.

La seconda è sulla distilleria indiana di Amrut. La particolarità di questa distilleria è di trovarsi sulle colline di Bangalore con una forte escursione termica e un angel’s share piuttosto elevato (sopra il 10%, in Scozia siamo circa al 2%) che conferisce ai loro prodotti una colorazione molto intensa già dopo 3/4 anni di invecchiamento.
Sarà lanciato un nuovo prodotto ‘Intermediate Sherry Matured’, limitato a 275 casse (1650 bottiglie) e costerà 60 sterline.
L’invecchiamento è “misto” in boubon, sherry e botti “vergini”; lo scopo è di equilibrare la predominanza dello sherry (che in quello che provai io era molto forte, quasi stucchevole).
Se andate a Parigi al Whisky Live lo potrete provare; non vi consiglio di andarci apposta per questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »