Febbraio 2013: Whisky novità

Classica carellata di fine mese (lo so che ho sforato) sulle novità uscite nel mese più corto dell’anno.

Port Askaig è la serie di single malt senza indicazione della distilleria, ma tutti provenienti da Islay, di Sukhinder Singh, che modestamente è nel progetto The Whisky Exchange. Nuovi imbottigliamenti in range, ecccoveli e li potete comprare qui.

  • Port Askaig 12 years old – 45.8% abv
  • Port Askaig 19 years old Cask Strength – 50.4% abv
  • Port Askaig 30 years old Cask Strength – 51.1% abv

Una delle mie distillerie preferite, Balvenie, lancia un 12 anni single barrel (solitamente è il 15). The Balvenie 12 Year Old Single Barrel First Fill, imbottigliato a 47.8% e come dice il nome è un first-fill Bourbon. Dovrebbe costare una sessantina di euro. Inoltre è uscito anche il quinto batch del Tun 1401, che se è come i precedenti (io ho sentito il 2 e il 4) lo staresti ad annusare per 15 o 16 ore di fila, per poi accorgerti che la bottiglia è finita.

Novità già ampiamente lanciata da molti siti è il Talisker Storm, un no age (ora li chiamano “multivintage” per prenderci per i fondelli)  che pare abbia le note tipiche della distilleria molto in evidenza, costerà poco più del 10 anni e a quanto pare è molto valido.

Tullibardine, dopo il cambio di proprietà, lancia un nuovo range di prodotti che si vanno a sposare con le botti da vino: 225 Sauternes, un finish di Chateau Suduiraut, 228 Burgundy un finish in Chateau de Chassagne Montrachet e il 500 Sherry con botti di PX.

Jura arriva con un vintage 1977, solo 598 esemplari, botti di bourbon con una permanenza di 12 mesi in ruby port pipe.

E per finire sempre o quasi il nostro amico Douglas Laing:

  • OMC 2225 Arran 15 Year old –
  • OMC 2224 Dufftown 30 Year Old
  • SMC 0435 Glengoyne 12 Year Old
  • SMC 0437 Fettercairn 10 Year Old
  • PRV 0948 Miltonduff 7 Year Old Sherry
  • PRV 0959 Fettercairn 10 Year Old
  • PRV 0958 Glengoyne 12 Year Old
  • PRV 0957 Caol Ila Young and Feisty
  • DEN 0089 Invergordon 46 Year Old

A parte ridire che i finishing ci hanno stufato da un po’, vediamo cosa ci riserva Marzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »