Feis Ile giorno 1: Lagavulin open day

20130526-073755.jpg

Dopo una salutare dormita, anche se alle quattro di mattina era giorno, e un’altrettanto salutare full scottish breakfast, rotta di prima mattina verso Bowmore per prendere l’imbottigliamento del festival: un NAS in bourbon cask, 56.5%, in 1000 esemplari, costo 50 GBP. Non l’abbiamo assaggiato ma lo faremo di certo. Due passi al campo di golf, ma solo per la bellissima vista, e poi diretti all’open day di Lagavulin. Giornata bellissima con almeno 16/17 gradi e un bel gruppo colorato di appassionati. Breve coda per prendere le due bottiglie assegnate a ciascuno di Lagavulin Feis Ile, un 18, assemblaggio di 5 sherry butt che hanno riempito con gioia 3.000 bottiglie che poi, solo per potervi relazionare, abbiamo assaggiato e direi che promette molto bene. Dopodiché tra 16 anni in mescita gratuita, ostriche, scampi e scallops, musica, dimostrazione di cooperage ecco una degustazione dentro la warehouse con il grande Ian McArthur mattatore. Abbiamo provato un 9, 15, 20 e 31 direttamente dalla botte e, se ce ne fosse bisogno, allo scopo di sottolineare come i single cask diano dei prodotti unici e inaspettati a volte. Io ho trovato magnifico il 15 anni ma veramente sorprendente il 31, esplosivo in bocca come un giovanotto. I primi tre erano sherry cask mentre il 31 un refill. Ian, un personaggio veramente incredibile con una vita passata nelle warehouse di Port Ellen e Lagavulin, scuoteva il whisky nel becker, tappandolo con una mano, e poi battezzava i presenti. Ho visto molti di questi vedere la luce. Venti sterline spese benissimo.
20130526-073931.jpgA questo punto sono solo le tre ma ce la siamo fatta passare con altri scampi e garlic mayo (e altri dram). Poi due passi verso Laphroaig in tempo per provare il Cardeas di quest’anno con un finishing in port cask; a parte un color rosso lampone quasi inquetante, il prodotto non mi è parso niente male, al naso il timbro della distilleria, in bocca un alcool un po’ forte ma comunque aromi abbastanza ben amalgamati e armonici col naso. Il bicchiere vuoto lasciava un buon profumo. Riproveremo per evitare di prendere un granchio. Anzi, a metà giornata era già finito al baracchino del pesce e me lo sarei scofanato volentieri.

20130526-073720.jpg20130526-073813.jpg20130526-073905.jpg

 

 

 

 

Un pensiero riguardo “Feis Ile giorno 1: Lagavulin open day

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »