Feis Ile giorno 3: Open day (nostro)

20130528-074218.jpgOggi era l’open day di Caol Ila ma, non avendo prenotato eventi, abbiamo fatto un giro differente. Alle 10,30 degustazione dei 6 Cardeas nel kiln di Laphroaig, non ottimale per la contaminazione olfattiva e una temperatura abbastanza rigida. Ma David, corpulento ex addetto alla warehouse, ci tiene caldi con la sua simpatia e apertura. I Cardeas, grazie alle mie cattive frequentazioni con Claudio, li avevo provati tutti; altra cosa è trovarseli in fila. Giudizio inappellabile: il 2008 nettamente il migliore, il 2011 nettamente il peggiore. Avanti poi con un assaggio di Cask Strenght batch 5 a livelli ottimi e come i 20130528-074132.jpgprecedenti (tranne una caduta col 2) e da comprare visto il prezzo attorno alle 45 sterline. David ci offre anche uno dram del 25 anni e dice che nel 2015, bicentenario della distilleria, potrebbe tornare un 15 anni. Sapevatelo.
Rotta su Ardbeg per il pranzo e sottobanco arriva anche Ardbog. So che morite dalla voglia di sapere. Senza infamia e senza lode, manca l’agrumato al naso, alcool un po’ pungente. Va riprovato, ho dato solo un sorso. Approfittiamo per visitare il cottage della distilleria, 6 posti letti in una location meravigliosa con giardino e terrazzo.
20130528-074148.jpg Vicino di casa Micheal Heads. Prezzo abbordabile, 240 sterline a notte con sconti per periodi più lunghi e tariffe flat cioè non speculative in base ai periodi ma uguali tutto l’anno. Da tenere in considerazione. A questo punto è tardino ma proviamo ad andare a Caol Ila. E facciamo bene. Proviamo l’imbottigliamento del festival, 99GBP, molto buono, nonostante le premesse della tripla maturazione; uno splash d’acqua lo rende ancora più godibile. Poi incrociamo Colin che ci passa un 25 anni per gradire. Passaggio nella still house a fianco degli enormi alambicchi che si godono la vista sullo stretto20130528-074259.jpg. Due chiacchere con un ragazzo del cooperage di Stirling che mi mostra una falange ricucita dopo una martellata fuori bersaglio. Uomini duri, senza ironia.
Giretto tra i campi con vista su Jura. Cena al Lochside con musica dal vivo e due sorsi del Bowmore del festival, niente male, un po’ aggressivo l’alcool ma un po’ d’acqua lo addomestica benissimo. Giornata lunga ma sempre meglio che lavorare.

 

Un pensiero riguardo “Feis Ile giorno 3: Open day (nostro)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »