I risultati 2012/13 di Diageo

diageologoDiageo ha annunciato risultati positivi con una crescita del fatturato dell’5% e del margine 8%. Chi ha trainato la crescita? Subito verrebbe da dire Cina e Brasile. Niente di più sbagliato, il mercato nord americano, con forte crescita dei marchi di blended Johnny Walker, Buchanan’s e la crescita del 5% del fatturato. Bene anche altri mercati emergenti. Africa, Est Europa e Turchia hanno avuto una crescita del 10% mentre Latino America e Caraibi del 3%. L’Asia ha avuto un calo dei volumi e sta rallentando da +8% a +3%. La nostra Europa continua a decrescere, -4% nel fatturato e -3% nei volumi.

Il nuovo CEO Ivan Menezes, che ha da poco sostuito Welsh è soddisfatto della crescita e dei cambiamenti aziendali che hanno fatto aumentare il margine sottolineando l’effetto positivo dell’aumento del 5% negli investimenti di marketing. Lo Scotch Whisky rimane la categoria col profitto più elevato e Johnnie Walker ha raggiunto le 20 milioni di casse.

Morale: se ci sono i mercati emergenti ci sono anche quelli affondanti.

2 pensieri riguardo “I risultati 2012/13 di Diageo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »