Era il Natale 1995 e vi volevate comprare una bottiglia

gamberoGrazie al trasloco del grande Alessandro risbuca un numero del Gambero Rosso vecchio di quasi  vent’anni dove ci sono i prezzi di alcuni imbottigliamenti del tempo, di cui molti si possono trovare in versione moderna. Il tutto per verificare se, casi limite a parte, il consumatore abbia più facilità ora a comprare o meno rispetto a 4 lustri fa. Questo lungi da essere una inchiesta statistica (non conosco le fonti dei prezzi del tempo), non avulsa dalla qualità, ma solo un termometro spannometrico e soprattutto un supporto alla dimostrazione che non si tratta di un prodotto per ricchi. Si beve bene con poche decine di euro. Non era così per alcuni prodotti nel 1995.

I prezzi sono stati rivalutati con le tabelle Istat, che danno un indice di 1.44 (sapendo come sono andati i prezzi dei prodotti alimentari dopo il cambio all’euro è molto conservativo) e il cambio Lira/Euro di 1936,27. I prezzi sono arrotondati ai 50 cent e le bottiglie sono da 70cl e non ho tenuto conto di aumenti IVA (da 19 a 21) e delle accise.

[table caption=”Prezzi comparativi 1995/2013″  colalign=”left|left|left|left|left”]

Whisky,Prezzo 1995 €,Prezzo rivalutato 2013€ , Prezzo 2013€Differenza %, Commenti

Benriach 10yo,26,37.44,29,-23%,2013: 12yo

Bowmore 17yo,49,70.56,59,-16%,

Bruichladdich 15,33.5,48.24,55,14%,2013: 16yo bourbon cask

Cardhu 12yo,19,27.36,29,6%,

Cragganmore 12yo,31,44.64,29,-35%,

Dalwhinnie 15yo,31,44.64,34,-24%,

Glen Deveron 12yo,18,25.92,22,-15%,2013: 10yo

Glen Grant 5yo,10.5,15.12,14,-7%,

Glendronach 12yo,28.5,41.04,39,-5%,

Glenkinchie 10yo,31,44.64,35,-22%,

Glenlivet 12yo,16.5,23.76,22,-7%,

Glenmorangie 18y0,39,56.16,70,25%,

Highland Park 12yo,28,40.32,34,-16%,

Knockando 1978/1992 (14yo),19.5,28.08,40,42%,2013: 15yo

Lagavulin 16yo,31,44.64,45,1%,

Laphroaig 10yo,21.5,30.96,28,-10%,

Longmorn 15yo,36,51.84,58,12%,2013: 16yo

Macallan 12yo,28.5,41.04,48,17%,2013: 12yo fine oak

Oban 14y0,35,50.4,31,-38%,

Springbank 12yo,41,59.04,45,-24%,2013: 12yo CS

Strathisla 12yo,36,51.84,33,-36%,

Talisker 10yo,31,44.64,32,-28%,

[/table]

I prezzi attuali li ho mediati tra un po’ di siti e di ricordi di scaffale miei, se vedete grosse discrepanze siamo qua. Come potete vedere molti prezzi sarebbero addirittura invariati a scaffale.

Detto questo, se avessi comprato tutte quelle bottiglie avrei speso circa 922€ nel 1995 e 831 adesso, un risparmio di circa il 10%. Come potete vedere molte delle differenze percentuali vantaggiose per un compratore contemporaneo sono proprio i prodotti Diageo. Come per dire, come se ce ne fosse bisogno, che i prodotti “da scaffale” rispetto a quelli per “malati” sono proprio due cose diverse. Il rincaro maggiore il Glenmorangie 18 e il Knockando, tra l’altro su un prodotto attuale molto meno appetibile non essendo un vintage come il precedente. Che vi sembra?

9 pensieri riguardo “Era il Natale 1995 e vi volevate comprare una bottiglia

  • 11 settembre 2013 in 17:05
    Permalink

    Fantastico Davide, chissà se fossimo rimasti con la lira come sarebbe andata a finire ….
    Molto interessante, mi piacerebbe sapere dal 1995 ad oggi l’incremento dei prezzi dei vini del Collio (solo a titolo di esempio senza voler accusare nessuno).

  • 11 settembre 2013 in 17:42
    Permalink

    Ottimo, Davide.
    Ma non è che il proposito di aumentare le accise sugli alcolici (a copertura del pacchetto scuola) sia nato dalla lettura del tuo articolo?
    Ciao
    Luca

  • 12 settembre 2013 in 06:53
    Permalink

    Il Terziot riesce sempre a stupirci con chicche interessanti BLAVOOOOOOOO! Però anch’io sono curiosa di sapere i prezzi dei ” vecchi ” quindi aspettiamo con .. ansia la seconda parte …. movet!
    Slainte mon amì

  • 12 settembre 2013 in 08:49
    Permalink

    @Luca non credo di essere così popolare nel governo, l’idea di alzare le accise è valida fin dai tempi della prima repubblica. Tutto sommato siamo ancora abbastanza fortunati con le tasse sugli spirits rispetto agli altri, ma temo che ci allineeremo presto…
    @Claudio Costa l’osso del collio (battuta nerd)
    @betty vedrai che arriva

  • 12 settembre 2013 in 13:40
    Permalink

    Ottimo lavoro Davide, i tuoi prezzi 2013 da dove li hai presi? mi sembrano un po’ bassini…. non è che tu li compri senza IVA.
    Il prezzo al 1995 l’hai trasformato in € tu? e la rivalutazione segue il processo d’inflazione dal 1995 al 2013?

    Ottimo post!

    Tieni presente che modalità di acquisire la merce (spedizioni) ed offerta (e-commerce e retail) sono cambiati un mondo dal 1995 al 2013 quindi ci sta che i prezzi non siano aumentati soprattutto se consideriamo che sono prodotti, per la maggior parte, da core range.

  • 12 settembre 2013 in 14:40
    Permalink

    Ciao Andrea, il prezzo l’ho trasformato io, avevo il prezzo in lire; i prezzi attuali sono da online ita/estero (media trovaprezzi/drankgigant/spanna) o da supermercato per la maggior parte dei casi, sicuramente sono un po’ bassini rispetto al prezzo da enoteca. La rivalutazione è quella Istat che usano anche gli studi legali ed è molto conservativa secondo me. L’IVA poi e’ aumentata credo del 2% e non no ho tenuto conto. Lo storico delle accise non ce l’ho ma anche quello può essere trascurabile visto che già ora pesa meno di due euro. Anche per quello che dici tu il risultato non mi ha proprio sorpreso. E’ probabile si possa apportare qualche correzione, ma non è un modello è solo per capire il trend

  • 13 settembre 2013 in 23:12
    Permalink

    Come sempre, un altro articolo molto interessante! Bravo Davide, comparatore selvaggio di prezzi:)

  • Pingback:PORT ELLEN STOCK EXCHANGE: I PREZZI DELL’ORO DI ISLAY | ANGEL'S SHARE

  • Pingback:DAVIDE TERZIOTTI, PASSIONE PER IL MALTO | BARFLY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *