Malt Whisky Yearbook 2014 (ci siamo anche noi)

Mi è arrivata copia in anteprima del MWY 2014 del bravissimo Ingvar Ronde e la prima cosa da dire è che quest’anno c’e’ molta più Italia del solito. Intanto c’e’ la Puni, che appare già in bella evidenza in un articolo all’inizio dove si parla delle nuove distillerie. Nel Capitolo “Distilleries around the Globe” è proprio una bella foto a pagina intera del muro traforato della distilleria a fare da apertura e poi all’interno ovviamente il trafiletto dove si parla delle attività della distilleria e delle sue caratteristiche: l’articolo inizia dicendo che è molto strano che in una nazione così votata al whisky già dagli anni ’50 la prima distilleria sia nata solo ora. E quello che vi racconto dopo casca a pennello.

mwy14ItaUna delle novità di quest’anno una rubrica Whisky around the world ed ecco perché nel titolo ho usato il “siamo” dato che si parla del movimento del whisky in Italia (pagina 105, accandto alla D di Dalmore) e, senza falsa modestia ma con un ego smisurato (tranne che per la foto), chi lo fa è il sottoscritto. Tranne che per i consumi, non avendo dati di mercato freschi, ho espresso opinioni qualitative ma ho cercato di parlare di tutte le nostre eccellenze e di cosa stiamo facendo tutti quanti per metterle in luce. Per motivi di spazio qualcosa è andato tagliato inevitabilmente  ma spero di aver dato una bella descrizione di chi siamo, di cosa abbiamo fatto e di come sta andando. Ho messo forte enfasi sulle nostre tradizioni (per intenderci i nostri collezionisti e i nostri imbottigliatori) e su cosa stanno facendo i festival, blog e associazioni per diffondere cultura e sostenere i consumi. Forse potreste trovare il tutto troppo pomposo rispetto a quello che è il mercato vero e la percezione dell’uomo della strada, ma è innegabile che soprattutto i festival di Milano e Roma l’anno scorso abbiano avuto una bella impennata e che il numero di manifestazioni pubbliche sia aumentato, per quanto si tratti di una goccia nel mare. Ho cercato anche di evidenziare i lati negativi tra cui la perdita di importanza del mercato, distributori e forza vendita spesso poco acculturati, poca conoscenza del prodotto da parte dei consumatori e la percezione che sia un prodotto di lusso. Potete leggervela, se la foto lo permette, ma pubblicherò il documento per intero a breve. Ovviamente se non siete d’accordo siete invitati a esprimervi.

Proseguendo in una rapida carrellata, soliti articoli interessantissimi, di cui trovate l’indice e qualche estratto, dei grandi scrittori cone Buxton, Maclean , Roskrow, Offringa, Riedly. Proprio di quest’ultimo una analisi del ruolo dei whisky club. Germania e Svezia guidano il plotone con decine di club e non a caso l’articolo si chiama “Whisky – the most social of Lubrificants”. C’e’ tanto da fare qui da noi.

Ovviamente non me lo sono ancora letto tutto essendo arrivato tre giorni fa, probabilmente ci tornerò sopra, anche perché queste cose dovrebbero essere spunti di riflessione e discussione per chi è “nel giro”.

Al Milano Whisky Festival (e poi nei prossimi eventi) avrete anche modo di comprarlo risparmiando spese di spedizione o rotture di scatole di carte di credito o altro. Se mi fate i complimenti e vi mostrate servili e accondiscendenti il mio ego vi farà di sicuro lo sconto.

11 pensieri riguardo “Malt Whisky Yearbook 2014 (ci siamo anche noi)

  • 7 ottobre 2013 in 14:19
    Permalink

    Grande Davide!
    mi fai letteralmente impazzire quando dici “wallet full of euros”… sembri uscito da Las Vegas!!!!!
    One man show!

    A parte gli scherzi, bravo!

  • 7 ottobre 2013 in 15:03
    Permalink

    Grazie Andrea, mi piaceva la scena del riccone. Avevo anche scritto “with a thick crystal tumbler” ma poi esigenze di redazione… A parte questo, mi interessa capire se le mie percezioni sono sbalgiate/eccessive o meno. Anche se quello che mi premeva era far vedere che l’Italia ha una serie di personaggi di primo piano. Anche se quello in primo piano sono io.

  • 7 ottobre 2013 in 16:41
    Permalink

    Fotografia corretta! il prossimo giro (quando ti daranno 2 pagine) enfatizza un po’ di più quello che fai con e per il forum, punto d’aggregazione fondamentale per crescere e conoscere.

  • 8 ottobre 2013 in 00:48
    Permalink

    Cosa dire e’ un grande tutti lo sappiamo chi lo conosce lo ama e lo stima e chi non ha avuto la fortuna come noi cassi loro io intanto me lo tengo stretto !!!! Un consiglio spudorato Davide passa a riscuotere la tangente dai whiskaroli che hai citato ti neriti a pueni voti il loro migliore imbottigliamento !!! ( so per certo pero che non lo farai mai ) Bravo il mio Terziotttt complimenti veri sinceri e sentiti

  • 9 ottobre 2013 in 09:07
    Permalink

    Grazie a tutti e al MWF faremo un bel brindisi. Ovviamente offro io.

  • 10 ottobre 2013 in 14:22
    Permalink

    Che bella notizia!
    Sincere congratulazioni per questo grande e meritato riconoscimento

  • Pingback: MALT WHISKY YEARBOOK 2014: L’ITALIA C’è! | PASSIONE WHISKY

  • Pingback: MILANO WHISKY FESTIVAL 9/10 NOVEMBRE, OTTAVA EDIZIONE | ANGEL'S SHARE

  • Pingback: ANGEL’S SHARE AL MWF 2013 | ANGEL'S SHARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »