Port Ellen Stock Exchange: i prezzi dell’oro di Islay

port-ellenDopo uno sguardo alla variazione dei prezzi sui malti base e le solite discussioni sui prezzi presunti delle SR (che dovrebbero essere come previsto smentiti, seppur sempre altini) mi è venuto il tarlo di dare un occhio all’andamento dei prezzi del Port Ellen.

Ho preso lo storico di Whisky Auction, la referenza più attiva tra le aste prendendo le 12 release annuali più le due di Rare Malts (1978/98 e 1978/2000). I risultati, a pensarci bene, non sono molto soprendenti, ma ci sono alcuni aspetti su cui val la pena riflettere o fare qualche speculazione per capirne i motivi e magari avere pareri da qualcuno che ci è dentro con più frequenze (io per motivi principalmente economici non posso entrarci troppo). Come sempre lo scopo  non è quello di dare dati precisi  ma di cercare di capire il trend, anche perché i numeri, per quanto significativi, non sono sufficentemente “liquidi” per poterne fare un modello quantitativo.

Nella tabella potete vedere per ogni release il numero di bottiglie battute all’asta (bid), il prezzo originale di vendita (da quel che ricordo e grazie agli input ricevuti da fidati), il prezzo medio, il minimo e il massimo in asta e ho fatto il giochino di vedere il guadagno medio e massimo rapportato al prezzo di vendita, non molto significativo ma solo per vedere le release più fortunate, che ovviamente sono sempre le prime, quando il fenomeno non è ancora scoppiato (“il bravo collezionista non segue il mercato, lo precede”).

Port Ellen: i prezzi in asta
Release Bid Original price Avg Min Max Avg profit Max profit
RM 78/98 67 120 317 176 630 264% 525%
RM 78/00 119 130 348 167 805 268% 619%
1 91 150 884 230 2165 589% 1443%
2 106 180 335 150 712 186% 396%
3 93 190 319 155 745 168% 392%
4 47 200 497 175 960 249% 480%
5 71 200 365 160 1155 183% 578%
6 87 230 352 177 755 153% 328%
7 70 240 375 215 625 156% 260%
8 73 260 357 220 675 137% 260%
9 74 290 415 265 675 143% 233%
10 90 350 568 345 840 162% 240%
11 69 420 676 601 865 161% 206%
12 12 620 865 820 1000 140% 161%

PortEllenbidsPotete scaricare le performance graficate delle singole release (sulle ascisse in numero di riferimento dell’asta con l’anno), anche se soprattutto per le ultime non si può fare un confronto visto il tempo limitato sul mercato. Quello che si nota è comunque una impennata dei prezzi a partire dal 2010 (anche quelli di partenza), probabilmente la febbre è aumentata vedendo le performance precedenti ma anche per il fatto che girava la voce che fossimo agli sgoccioli e che ci sarebbero state solo altre poche release. Lo si può notare anche dal numero delle bottiglie in asta (grafico a fianco) a partire dal 2010, è quasi raddoppiato.

Quello che si nota poi è che il mercato ha raggiunto una certa maturità sulle ultime release (che costavano comunque già molto in partenza) probabilmente molti costretti a in precedenza a comprare in asta sono riusciti a “organizzarsi” e a portarsi a casa la bottiglia su canali tradizionali. I prezzi ovviamente riflettono anche la disponibilità degli imbottigliamenti, averne  3.000 o 12.000 ovviamente fa la sua differenza e poi magari, nelle prime release, qualcuno le ha anche bevute (tipo il sottoscritto, e non sono pentito). Per i Rare Malts non ho i numeri ma erano molte a disposizione, ho visto progressivi di bottiglie oltre i 9.000.

  • 1: 6.000 bottiglie
  • 2: 12.000 bottiglie
  • 3: 9.000 bottiglie
  • 4: 5.100 bottiglie
  • 5: 5.280 bottiglie
  • 6: 4.560 bottiglie
  • 7: 5.274 bottiglie
  • 8: 6.618 bottiglie
  • 9: 5.916 bottiglie
  • 10: 3.000 bottiglie
  • 11: 2.988 bottiglie
  • 12: 2.964 bottiglie

Avvertenze prima che vi fiondate a chiedere cifre folli con la vostra bottiglia di Port Ellen, questi sono i miei consigli.

Detto questo, se ne avete in casa qualche doblone lo racimolate, almeno per ora. Come tutti i beni considerati rari e da collezione, non è detto che rimarremo sempre nell’età dell’oro, tutti si fanno più furbi, non soltanto voi. Un grazie a Pino per alcune fondamentali dritte.

Se doveste notare dati interesanti o errori madornali, ovviamente il Web 2.0 serve anche a questo.

6 pensieri riguardo “Port Ellen Stock Exchange: i prezzi dell’oro di Islay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »