Santa Lucia rimonta sopra i tetti, corre incontro agli angioletti

disegno di Rosy Gadda Conti da "Santa Lucia"; Ed.Il Castello
disegno di Rosy Gadda Conti da “Santa Lucia”; Ed.Il Castello

Come ogni bambino mai cresciuto del tutto ecco la mia letterina, dovrei essere generico e indirizzarla agli angeli e agli spiriti, anche se farei volentieri discriminazione territoriale, visto che a me i regali li ha sempre portati Santa Lucia (scusami, lo so che sono quasi fuori tempo limite e magari sei già partita). Gli anni passati qualcosa è arrivato ma ho il sospetto che la mia lista di doni sia stata tassata o razziata dai corrieri, vista che ne è arrivata una piccola parte, però è anche vero che ci sono stati regali inaspettati.

Come al solito non ti chiedo bottiglie, quelle per ora riesco a comprarle, e poi metti caso che ti venga in mente di regalarmi un Port Ellen e che ti blocchino quelli dei forconi, va a finire che se lo bevono loro a canna per riscaldarsi.

Allora per il prossimo anno segnati poche cose:

  • Che i geni dell’economia si accorgano che l’aumento delle accise è dannoso sia per le casse statali che per le tasche private. Si ok, lo so che stiamo pagando ancora accise sui carburanti per guerre degli anni ’50.
  • Dammi un po’ di tempo per leggere quelle decine di libri sul whisky che ancora quasi non ho preso in mano
  • Continua a fare in modo che si organizzino sempre più festival e degustazioni, magari in tanti posti dove non si fanno mai, ad esempio al Sud Italia. Visto che eri di Siracusa ma sei tanto radicata in molte parti del nord secondo me questa ti sta molto a cuore.
  • Per favore porta un po’ di carbone alle distillerie e digli di essere meno avide ed ingorde e di ricordarsi che il mercato del single malt è alimentato anche dalle emozioni e non solo dallo status o dalla sete.

Se poi sono cose impossibili da fare ci accontenteremo di trovarci tra amici a berci qualcosa ogni tanto. Slainte.

Mi sono scordato qualcosa?

Un elenco per Santa Lucia
Lungo é l’elenco
che vogliamo fare,
ma scegli tu cosa portare:
per il nonno un caldo cappello,
un rospo in tasca a mio fratello,
una fidanzata per il mio cane,
ai passerotti tanto pane;
chicchi di riso per la minestra,
un po’ di pazienza per la maestra,
una nuova scopa per la Befana,
un giorno in più alla settimana;
una sciarpa al pupazzo di neve,
per i miei amici una storia breve.
Fino ad ora abbiamo scherzato
e con le parole abbiamo giocato.
Tu però non dimenticare,
due cose che devi portare:
un sorriso per chi non ce l’ha
e per tutti tanta bontà.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »