Edrington vede lungo

edringtonPer annusare l’aria del mercato è sicuramente buona norma dare un occhio ai gruppi più grandi (Diageo, Pernod Ricard) che di solito, per quanto debbano sottostare anche ad altre logiche su prodotti differenti, segnano la strada. Tuttavia ci sono alcuni altri gruppi, sicuramente di vertice ma molto lontani dai numeri dei due colossi, che possono vantare nel loro portafoglio dei prodotti molto influenti e “iconici”. Buttare un occhio su cosa fa Edrington, che detiene il marchio di single malt forse più prestigioso e appetito tra i collezionisti, Macallan, anzi, The Macallan, di certo può dare qualche segnale su come va il mondo.

Il gruppo ha dichiarato di avere buoni indicatori di lungo termine, per quanto prevedano che la crescita sarà più lenta. Nell’ultimo anno la crescita è stata del 3%, contro il 6 dell’anno precedente. I risultati degli ultimi cinque anni ci danno una indicazione di quanto il mercato sia esploso con profitti aumentati dell’84% (si avete letto bene). Per questo non c’e’ molto da stupirsi del mega investimento da cento milioni di sterline per una nuova distilleria a Macallan, per quanto si possano rimpiangere i tempi che furono. Il mercato premium (per intenderci quello che beviamo noi) del whisky e del rum è visto ancora in crescita nel lungo termine e il gruppo si appresta a lanciare anche una vodka (su questa non mi sento molto intaccato) in questo segmento di mercato. Inoltre il gruppo capitanato dai Robertson prepara alla dura lotta ridisegnando completamente le proprie strutture di vendita e distribuzione in Asia, Medio Oriente e US, che guarda caso sono i mercati di riferimento.

Edrington ovviamente da buona azienda con i denti affilati, piange anche miseria denunciando il fatto che l’instabilità politica, ad esempio, in Ucraina e le misure anti corruzione fatte in Cina hanno penalizzato il mercato del whisky. Di fatto manda un segnale alla SWA che, non a caso, è guidata da un diplomatico di lungo corso. Alla guerra!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »