Presentazione WhiskyClub Italia

WhiskyClub_Volantino_8NovembreCome molti di voi sapranno lo scorso 8 Novembre al Golf Club di Montorfano si è svolta la serata di presentazione del WhiskyClub Italia. La prima cosa da dire è che la partecipazione è andata oltre le più rosee aspettative, circa un centinaio di persone sono intervenute di cui ben 65 hanno partecipato alla cena; interessante la presenza di moltissime facce nuove e potenziali adepti della nostra acqua di vita. L’altra cosa da dire è che il Golf Club era la prima volta che apriva ad “esterni” e si temeva che i soci non l’avrebbero presa benissimo: in realtà sono rimasti molto soddisfatti da questa invasione pacifica e pare abbiano espresso giudizi entusiastici. Certo che aver potuto comunque unirsi e assaggiare distillati straordinari li abbia ammorbiditi e, forse, se fosse stata la presentazione del Club del Formaggio Light si whiskyclubmontorfanoavrebbe avuto un riscontro diverso. Detto questo, il banco d’assaggio è stato molto apprezzato e, come sempre, con una preferenza schiacciante per i torbati, anche prima di cena, ma anche complice il fatto che fossero imbottigliamenti rarissimi  con prezzi stracciati (ad. esempio Lagavulin Feis Ile 2014 a 4 euro). Banco d’assaggio che era trifronte, una bella selezione offerta da Beija-Flor (Springbank, Hazelburn, Longrow, Glenglassaugh, Arran, GlenDronach, Tomatin) con la presenza di Maurizio Cagnolati, la linea del club al completo e, appunto, la Fiera dalla Torba.

Molto interessante la cena con abbinamenti dello chef Radice, fatta con birre affinate in botti di Laphroaig Quarter Cask e presentate direttamente dai produttori, che Cinzia Tosini, a cui ho anche rubato la foto, ha illustrato molto bene.

Certo siamo ancora lontani dalle centinaia di Whisky Club del Nord Europa, ma l’idea che Claudio Riva ha avuto, che Andrea ed io abbiamo supportato con entusiasmo, di colmare questa mancanza offrendo un club senza una vera sede dove ci si ritrova ma cercando di creare piccoli poli catalizzatori in tante realtà del nostro paese: sto parlando di locali, bar ma anche di semplici gruppi di appassionati che possono coagularsi e organizzare serate, eventi e degustazioni anche col supporto di qualcuno che ha già consumato le suole (e i gomiti) per spiegare la magia del distillato.

Non vi tedio ulteriormente e vi rimando anche al resoconto di Claudio in cui ci sono i doverosi ringraziamenti a chi ha reso inclusivo un posto esclusivo.

2 pensieri riguardo “Presentazione WhiskyClub Italia

  • 18 novembre 2014 in 15:34
    Permalink

    Non c’ero ma sono contento di sentire (leggere) che è andato tutto bene e con una ottima e nutrita presenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »