Distilleria Brunello, nuova linea tra passato e futuro

brunello2Essere distillatori da quattro generazioni, fin dal 1840 non è un buon motivo per rimanere immobili. I gusti cambiano, il mercato si evolve e si amplia, la ricerca e il perfezionamento delle tecniche di distillazione e di maturazione delle grappe va avanti. La famiglia Brunello, in concomitanza con l’evento conclusivo del  premio letterario Distillati di parole, che ha decretato vincitore Federico Torresan con Non sia mai che un alpinoha presentato la propria offerta completamente rinnovata in termini di packaging e di linee di prodotto.

Iniziamo dalle novità più sostanziose che riguardano il lancio della linea BHappy, comprendente un bitter e un aperitivo, molto popolari in Veneto. Si tratta di due prodotti completamente naturali e il bitter, in particolare, senza uso di coloranti.

5t-coloratoLa grappa si è vestita completamente di nuovo, con la nuova comunicazione basata sulle 5T: Tempo, Territorio, Tradizione, Tipicità e Talento. La linea di grappe, molto vasta e con molti prodotti monovitigno, è stata riorganizzata in tre linee: Le OriginiI Classici e I Talenti; in particolare nei Talenti si punta a grappe  più fresche e di facile approccio indirizzate a un pubblico giovane.brunello3

Ultima novità, il lancio del sito di e-commerce dove è possibile acquistare direttamente i prodotti.

Credo sia molto poco professionale dirlo, ma la serata si è conclusa con specialità del territorio fantastiche, tra cui l’immancabile e insostituibile baccalà, di cui ho abusato. Quel giorno era il mio compleanno, lo so che non avrei dovuto lavorare anche di sera.

2 pensieri riguardo “Distilleria Brunello, nuova linea tra passato e futuro

  • 18 dicembre 2016 in 17:20
    Permalink

    Mi fa molto piacere che tu apprezzi il bacalà!…Ma in Veneto è meglio scriverlo con una c sola,
    non solo per questioni “linguistiche”, ma soprattutto per distinguerlo dal “baccalà” (merluzzo
    salato) molto usato in Italia centro-meridionale ed in Portogallo, mentre in Veneto si usa lo
    stoccafisso (merluzzo essiccato).
    I vicentini mi uccideranno, ma non l’hai mai assaggiato “mantecato alla veneziana”?…
    Diverso ma altrettanto delizioso!
    E per accompagnare il bacalà (grappa Brunello a parte…), niente di meglio di un buon bicchiere
    di Durello…!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »