My Name is Whisky – un cielo pieno di stelle

Quest’anno si esagera e si raddoppia, dopo la deviazione sul Gin, al primo grande amore, il Whisky. E’ fresco di stampa infatti My Name is Whisky, un progetto che mi ha visto coinvolto in tutta la prima parte dell’anno con numerose puntate anche in Scozia e in altre parti d’Europa. Con i miei compagni di viaggio, Simone Murat e Fabio Petroni, abbiamo cercato di ritrarre 27 personaggi catturando le loro immagini e intervistandoli, provando anche a dare una angolazione diversa, lontana dai tecnicismi. Per raccontare la storia di questo mondo abbiamo anche messo 640 foto do bottiglie rare e da collezione, alcune delle quali anche controverse, ma che rappresentano il mondo del collezionismo, in cui l’Italia è stata avanguardia e capostipite.

Il volume che, nelle nostre intenzioni, dovrebbe essere il primo di una serie e che dovrebbe sfociare in un progetto più ampio dove anche le immagini video avranno risalto, è stato totalmente autoprodotto ed è edito dalla MBookInternational. Il libro è disponibile in italiano e inglese. La prefazione è di Tom Morton.

Il libro verrà presentato al Milano Whisky Festival con uno stand dedicato dove potrete trovarci.

 

Giuseppe Begnoni
Giorgio D’Ambrosio
David Turner
Massimo Righi
Emmanuel Dron
Dennis Malcolm
Valentino Zagatti
Jim McEwan
Ian Millar
John Campbell
Nadi Fiori
Famiglia Laing
Mark Watt
Stephen Rankin
Mirco Casari
Sukhinder Singh
Richard Paterson
Mickey Hea ds
Andrea Giannone
Tatsuya Minagawa
George Grant
Tony Reeman
Fratelli Thompson
Luca Gargano
Olivier Humbrecht
Geoff Kirk
Patrick De Schultess

Visitando una distilleria di Single Malt in Scozia una delle frasi ricorrenti è: “il whisky è fatto con acqua, malto d’orzo e lievito. Di certo non si può confutare questa frase né il rigido disciplinare di produzione, tuttavia mancano alcuni ingredienti che non entrano direttamente nel processo produttivo o nei regolamenti, ma che sono altrettanto fondamentali: le persone, il tempo e il territorio. Quello che questo libro cerca di fare è rendere tangibili questi elementi che si permeano tra di loro e si materializzano soprattutto nelle persone, custodi del tempo, delle tradizioni e dell’ambiente. Le persone portano esperienze, innovazioni, testimonianze del passato sotto forma di ricordi e bottiglie che hanno custodito. Una bottiglia da collezione è un oggetto meraviglioso e, anche distaccata dal suo proprietario, spesso mantiene il suo valore monetario. Tuttavia, la medesima bottiglia posseduta da due persone diventa un oggetto totalmente diverso se accompagnata dalla storia che l’ha condotta nelle case dei proprietari. Il whisky – e quello scozzese a maggior ragione – porta con sé suggestioni ed emozioni: senza il racconto, le persone, la storia e il territorio, sarebbe un prodotto come tanti. Nelle parole e negli scatti di profili così diversi nel panorama del whisky, abbiamo cercato di portare tutto questo raccontando gli altri ingredienti che si impastano assieme ad acqua, orzo e lievito.

 

My name is whisky
Un cielo pieno di Stelle: Single Malt Scotch Whisky – 1
Edizioni MBookInternational
Autori: Simon Paul Murat, Davide Terziotti, Fabio Petroni
Pagine: 480
Formato: 34×25 cm
ISBN 979-12-200-2387-0
Data di pubblicazione: Novembre 2017
http://www.mynameiswhisky.com
https://www.facebook.com/mynameiswhisky/

zz

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »