Brandy, per un nuovo ritorno di fiamma – Per Esquire Italia

Una delle rare iniziative unitarie verso la qualità. Supportata in modo egregio dagli ottimi piatti di Stefano Caffarri e dal cioccolato di Passion Cocoa.

Brandy Italiano Artigianale: come rinasce un distillato

L’anonimo ammazzacaffè in stile anni 80 è giustamente in crisi: 4 produttori hanno lanciato un manifesto per la qualità.

Il brandy italiano ha origini nobili ed è strettamente imparentato col più blasonato omologo francese, il Cognac. Proprio i francesi, colpiti a fine 800 dalla fillosserache ne devastò i vigneti, cercarono in Italia e in particolare nell’appennino tosco-emiliano uve che potessero fare al caso loro, sopperendo alla perdita del prezioso vino “bruciato” prodotto in Charente. Le uve di Trebbiano erano infatti strettamente imparentate con le loro Folle Blanche e Colombard, e il temibile afide aveva risparmiato buona parte dei vigneti sull’Appennino.

continua (collegamento esterno)

foto Mauro Fermariello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *