Il whisky è un antidepressivo

Leggendo il Financial Times (e così ecco belli e sistemati quelli che pensano che siamo solo dediti al vizio) c’erano alcune considerazioni interessanti riguardo la Scozia a ridosso delle elezioni e forse ci si prova a consolare con la nostra seconda patria viste le miserie di casa nostra.

La Scozia è sempre stata percepita come un’area depressa, foraggiata dallo stato centrale ma anche utilizzata da Londra principalmente per le accise e le esportazioni di whisky che pesano per il 50% sulle esportazioni dell’agroalimentare. In parte questa visione può essere ancora vera.
Tuttavia il modello scozzese basato su piccole aziende periferiche di servizi, soprattutto su biotecnologie, finanza e formazione, sta portando frutti. Anche se le due principali banche, Royal Bank of Scotland e HBOS, sono implose con la crisi, gli altri servizi finanziari girano bene soprattutto nelle assicurazioni e nella gestione fondi, sfruttando anche la crescita economica della mid-class asiatica. Buone notizie arrivano anche da energia alternativa (soprattutto eolico) e di fatto il “pubblico” pesa comunque come nel resto del Regno Unito.
Insomma, ci sono altri buoni motivi per farci un pensierino…
Commenta qui o sul forum Singlemaltwhisky.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »